Immunità secondo la Medicina Classica Cinese – il Sistema Olistico

L'immunità secondo l'antica Medicina Cinese è un meccanismo complesso. Questa complessità è inerente alla nostra affascinante formazione energetica. In questo articolo condivido con voi le mie conoscenze e osservazioni sull'immunità, basate sul mio studio della Medicina Classica Cinese.


La definizione occidentale di immunità è la nostra "capacità di resistere a una particolare infezione o tossina mediante l'azione di specifici anticorpi o globuli bianchi". Resta quindi inteso che l'immunità è limitata alla reazione puramente fisica del corpo al fine di prevenire la patologia interna. Per i Cinesi dell'antichità, immunità proprio come la nostra energia vitale, era molto più complessa e funziona sui vari livelli.


Innanzitutto secondo loro, immunità è la nostra capacità di resistere ai “fattori patogeni” di origine esterna, interna o dovuti dallo stile di vita. Esterno è tutto ciò che può entrare nel nostro corpo dall'ambiente esterno, inclusi batteri, tossine e fattori climatici. L'interno è legato ai nostri stati emotivi e mentali. Le cause dello stile di vita sono legate alle nostre abitudini quotidiane che non sostengono una buona salute. Per cui, il lavoro del sistema immunitario è molto più ampio e non si limita alla difesa dai virus e batteri. Si impegna a pulirci dai emozioni, pensieri e anche i cattivi abitudini, come il fumo, eccesso degli zuccheri, etc.


Inoltre, in Medicina Cinese l'immunità funziona a livelli fisici e non fisici che possono essere ampiamente raggruppati in quattro, per facilità di comprensione:

- Strato esterno: spazio oltre il nostro corpo fisico;

- Strato superficiale: cute e mucose;

- Strato interno: fluidi corporei, sangue, respiro ed energia vitale;

- Strato generale: energia che influenza tutti i tre strati precedenti.


Il campo energetico che si estende intorno al nostro corpo fisico si chiama Wei Qi. Wei Qi è percepita fisicamente dalla nostra pelle e dalle nostre mucose ma può essere attivata ancora prima che un agente patogeno le raggiunga fisicamente. Wei Qi è come una porta che si apre e si chiude, lavora sulla prima linea di difesa da cause esterne ma lavora anche sull'espulsione di ciò che è entrato o di ciò che è originato da cause interne. A livello psicologico Wei Qi è definito come la nostra capacità adattiva; come ci adattiamo alle circostanze esterne o alle influenze interne della nostra mente e delle nostre emozioni. Se ci percepiamo come incapaci di affrontare tali fattori (adattarci o cambiare), in Medicina Cinese siamo percepiti come una vittima. Ciò riduce notevolmente la nostra capacità di adattamento e di conseguenza le nostre difese, Wei Qi.


Se lo immaginiamo come un muscolo, più forte lo è, più possiamo respingere l'agente patogeno che non vogliamo che entri nel nostro corpo o campo energetico. Come lo si rafforza? Wei Qi è formata dal cibo che consumiamo, che una volta assimilato e lavorato alimenta la mucosa protettiva. La forza difensiva della mucosa dipende dalla qualità della nostra dieta, dalla forza digestiva, la forza del respiro e infine dalla nostra energia vitale. Quindi, a patto di mangiare bene, mantenere ampio respiro, preservare energia vitale, produrremo una buona difesa al primo punto di contatto. Fortunatamente tutti questi aspetti della nostra salute siamo in grado di controllare noi stessi.


E anche noi stessi compromettiamo quella barriera naturale con stress prolungato, sovraccarico di lavoro, poco sonno, poco o troppo esercizio fisico, abitudini di vita malsani e problemi emotivi irrisolti, etc. In tal caso, l'agente patogeno passa attraverso la prima linea di difesa e il meccanismo di difesa interno deve dare il via. È ciò che nella medicina occidentale conosciamo come cellule T, cellule B e fagociti. In Medicina Cinese è riconosciuto come la difesa da un agente patogeno a livello del sangue e dei fluidi corporei. Il corpo attiva un meccanismo al livello interno per espellere l'agente patogeno.


In questi momenti dobbiamo prenderci del tempo e permettere al nostro corpo di affrontarlo. I nostri corpi sono perfettamente progettati e dotati di meccanismi di difesa per espellere da soli l'agente patogeno purché sia relativamente forte e lasciato a riposo.


È una sana reazione corporea a quel punto di avere la febbre ed espellere l'agente patogeno con fluidi corporei come sudore, diarrea, vomito o attraverso il sangue come una eruzione cutanea. Il vecchio detto "meglio fuori che dentro" è il principio guida qui. Per espellere, tuttavia, consumiamo la forza della nostra energia vitale, così come il sangue e i fluidi corporei. Durante tutto il processo di espulsione, Wei Qi continua a funzionare, poiché è l'energia che dirige l'agente patogeno fuori dal nostro corpo. Quindi, una volta che un agente patogeno è entrato e il meccanismo interno è stato impiegato, ci sentiamo stanchi e non bene.


A seconda della forza del tuo corpo, potresti aver bisogno di aiuto per espellere l'agente patogeno. In casi lievi, alcuni di noi utilizzano aiuti autosomministrati, come zenzero, limone e miele in acqua calda per un semplice raffreddore, insieme ad impacco di sale caldo, ecc. In alcuni casi, potrebbe essere necessario cercare un aiuto professionale. Se ti senti male è importante reagire più presto possibile senza aspettare che il corpo si indebolisce troppo. É una tua scelta quale metodo scegliere. Gli antibiotici oi corticosteroidi, ad esempio, ti faranno sentire meglio più velocemente, ma bloccheranno il processo di espulsione. Potenzialmente un agente patogeno non eliminato tornerà presto in vita. È più probabile che i metodi naturopatici come la medicina classica cinese ti aiutino ad eliminare in un modo compatibile con i processi interni naturali.


I meccanismi di difesa descritti finora, lo strato esterno e superficiale Wei Qi, insieme alla nostra energia nutritiva e la difesa interna del sangue, dei fluidi corporei e dell'energia vitale, sono tutti governati e influenzati da un'energia sovrastante chiamata energia Retta (Qi Retto).


Il Qi Retto nella Medicina Classica Cinese è tradotto proprio come il sistema immunitario poiché da quell'energia parte lo stimolo per tutti i meccanismi di difesa appena descritti. Il Qi Retto non risiede in nessuna parte fisica particolare del nostro corpo, ma si esprime nel modo in cui ci PONIAMO nella vita. Retto significa eretto e onesto. L'energia opposta ad essa è perversa e piegata. Si percepisce la qualità del Qi Retto guardando una persona. Se il corpo è eretto e la mente e il cuore sono onesti, il sistema immunitario riceverà un'energia forte e positiva. Se il tuo corpo è piegato e la tua mente e il tuo cuore sono perversi con pensieri ed emozioni negative, il meccanismo immunitario non riceverà il sostegno essenziale e primario.


Detto che il Qi Retto non ha una particolare “residenza” fisica, le parti del nostro corpo che ci aiutano a rimanere eretti sono la spina dorsale e il Cuore. C'è un legame energetico tra quei due. Nella Medicina Cinese, il Cuore è un punto d'incontro del Cielo e della Terra sul loro asse energetico. Ciò significa che il Cuore presiede un incontro del Corpo e dello Spirito lungo l'asse della nostra spina dorsale. Pertanto, la forza di quell'energia influenzerà il modo in cui ti poni nella vita e come ti poni "di fronte" a un agente patogeno.


Mentre nella cultura occidentale abbiamo imparato a pensare che le cause esterne siano fuori dal nostro controllo, la Medicina Classica Cinese ci dice: “il nostro modo di vivere PERMETTE le cause (esterne o interne) di controllarci”. Richiede un cambiamento nella nostra convinzione acquisita per pensare: "come potrebbe entrare qualcosa in te se non lo permetti". Confido che, avendo letto finora, tu possa ora capire meglio il pensiero alla base di questa affermazione.


In un articolo scritto da Dashtar et al., Qi Retto è addirittura elevato a una definizione di "vero potere" o "potere reale" di una persona, dicendo "se una persona è piena di forza positiva, un'energia maligna non attaccherà". Conclude che le persone con Qi Retto debole saranno il tipo malaticcio, che si ammala molto facilmente.


Infine c'è la questione del vaccino. Quando riceviamo un'iniezione di un agente patogeno, superiamo due strati del meccanismo di difesa naturale: lo strato esterno e quello superficiale. A questo punto, ci rimane il sangue interno, i fluidi corporei e l'energia della forza vitale per difendere ed espellere l'agente patogeno. Ammesso che ci sia una quantità molto piccola dell'agente patogeno, tuttavia, altri ingredienti tossici sono inclusi in una iniezione, per conservare o stabilizzare il vaccino, che anche quello il corpo ha bisogno di eliminare. Se, in quel momento, la tua forza vitale, sangue o fluidi corporei sono insufficienti, il tuo corpo farà fatica ad espellere entrambi. Wei Qi al momento di una iniezione non si attiva come avrebbe durante il percorso naturale dell'infezione. Pertanto, il tuo corpo è sottoposto a uno stress eccessivo, che può essere problematico per le persone generalmente più deboli. Un agente patogeno non eliminato si deposita nei muscoli, nelle articolazioni e nelle ossa in attesa del momento in cui il corpo sarà più forte per espellerlo. Se la latenza è prolungata i resti diventano tossici e si manifesteranno come malattie croniche e/o autoimmuni.


Tra il 1300 e il 1600 circa in Cina c'era una pratica di "vaccinare" le persone con lesioni di vaiolo scartate da persone infette e soffiate nel naso di una popolazione sana. Dopo averlo studiato per centinaia di anni i medici dell'epoca hanno notato che tali pratiche stavano compromettendo troppo la salute della popolazione più suscettibile, ovvero bambini e anziani il cui sistema immunitario è immaturo nel caso dei primi e debilitato nel caso dei secondi. Ciò li ha portati a sospendere tali pratiche. Se ne deduce che un farmaco non è uguale per tutti e che l'intero sistema di difesa naturale è in grado di rispondere meglio se lasciato a sé stesso.


Grazie alle antiche tecniche diagnostiche tradizionali, ognuno può essere valutato energeticamente per la forza del proprio sistema immunitario, per tutti e quattro gli strati: energia esterna, superficiale, interna e Qi Retto. L'agopuntura e le erbe possono essere utilizzate per sostenere eventuali punti deboli o carenze come misura preventiva. Ricordiamo che la Medicina Cinese deriva principalmente da pratiche preventive quando i medici dell'epoca erano pagati per mantenere le persone in buona salute e non pagati quando i loro pazienti si ammalavano.


In conclusione, vi ho spiegato cosa costituisce la prima e la seconda linea di difesa e quale energia sovrintende a tutti i processi immunitari nella Medicina Classica Cinese. Vi ho descritto cosa succede una volta che l'agente patogeno entra e come possiamo scegliere i metodi che sostengono i processi di guarigione naturali. Ho condiviso con voi quale tipo di energia sovrintende a tutti questi processi e come sostenerlo al meglio. Infine, ho spiegato la reazione del sistema immunitario ad una vaccinazione dal punto di vista medico Classico Cinese. Confido che dopo aver letto questo articolo tu possa apprezzare meglio la complessità del nostro sistema immunitario olistico che tutti possediamo e che la tua salute e immunità sono veramente nelle tue mani.


Riferimenti:

1. Yuen J. Chronic and Autoimmune Diseases. Warsaw. 2018 Dec.

2. Yuen J. Classical Chinese Herbal Medicine I. New York. 2021 Mar.

3. Yuen J. Classical Chinese Herbal Medicine III. New York. 2021 Oct.

4. Dashtdar M, Dashtdar M.R, Dashtdar B, Kardi K, Shirazi M.K. The concept of Wind in Traditional Chinese Medicine. Journal of Phamacopuncture. 2016 Dec; 19(4):293-302.


 

Per consulenze e diagnosi della tua immunità olistica clicca per fissare un appuntamento


Immunità Olistica
Verifica la forza della tua immunità